G…come Grazie!

Ringraziare chi ha partecipato alla vostra gioia è d’obbligo.
Pensateci, a voi farebbe piacere se vi foste affannati ad inviare qualcosa agli sposini e la cosa fosse stata ignorata? Cosa pensereste?
Questo è quello che gli invitati penseranno di voi se cederete alla tentazione di saltare il passaggio dei ringraziamenti, quindi ricordatelo una volta per tutte: non si tratta di una formalità, e non sfuggirà all’attenzione altrui!
Il galateo di ogni tempo prescrive che tutti coloro che si sono preoccupati di inviarvi un pensiero, un mazzo di fiori o un telegramma vanno ringraziati, per iscritto, magari facendo riferimento esplicito a quanto ricevuto.
Se quando siete andati dal tipografo vi siete ricordati di ordinarli avrete già tra le mani un plico di cartoncini con i vostri nomi di battesimo e il cognome di lui (Leonardo e Ludovica Verdi) e con lo spazio per scrivere una frase. Se invece vi siete dimenticati, o non avevate voglia di spendere altri soldi, andranno benissimo dei cartoncini bianchi dove poter scrivere rigorosamente a mano i ringraziamenti, possibilmente personalizzando le frasi (bandito il timbrino di Hello Kitty con scritto “Thank you!”).
A questo punto le opportunità sono due: scrivere ed inviare i bigliettini non appena ricevete i regali oppure annotare il nome e l’oggetto ricevuto in dono ed inviare i bigliettini subito dopo il matrimonio (non è vero che si può aspettare un anno vanno inviati entro un mese dal ritorno dal viaggio di nozze!).
Per iscritto ovviamente andrete sul sicuro, ma con amici e parenti più intimi ci si può concedere l’informalità di una telefonata e nel caso in cui il dono vi sia stato consegnato a mano (in caso ricordatevi che il bon ton prevede di scartarlo immediatamente) avrete già ringraziato personalmente.
In ultimo, sicuramente più impersonale e molto “moderno”, vi è la possibilità di dare un semplice bigliettino di ringraziamento quando consegnate le bomboniere al ricevimento.
Rassegnatevi care e cari spose e sposi, modernità o non modernità, se volete essere educati non c’è scappatoia occorre ringraziare!


(Foto tratta da Pinterest http://it.pinterest.com/pin/381328293419326130/)

Condividi: